Recensione Gaggia 2016

Una delle macchine da caffè professionali più utilizzate, sia in ambito casalingo che lavorativo, è Gaggia 2016. Le rifiniture posizionate sulla struttura esterna, unite ai materiali resistenti, rendono questo macchinario unico nel suo genere. All’interno di questa recensione approfondiremo tutte le maggiori caratteristiche di questa macchina da caffè davvero rivoluzionaria ed innovativa.

Uno dei tanti punti di forza, apprezzato da tutti i consumatori di caffè, è la presenza del portafiltro pressurizzato. Quest’ultimo dà la possibilità di creare un caffè cremoso, con la giusta intensità ed alla giusta temperatura. Oltre a poter utilizzare il tradizionale caffè macinato, Gaggia 2016 permette di associare anche le ormai note capsule in cialda. Prerogativa necessaria, sarà tuttavia l’uso dell’apposito filtro, da prendere separatamente. Differentemente da altri prodotti, in questo caso, il pannello di controllo è posto nella parte superiore. È proprio da qui che possono essere azionati i principali comandi.

Un secondo elemento distintivo, a rendere questa macchina unica nel suo genere, è la presenza del braccio per emulsionare il latte. Tale strumento, soprattutto se usato correttamente, dà la possibilità di creare schiume perfette o di erogare acqua calda per la preparazione di infusi, tè e tisane. La pressione di 15 BAR, associata ad un filtro di ultima generazione, permette di ottenere espressi gustosi, in pochissimo tempo e con estrema facilità.

Ma non è tutto, poiché parlare di funzionalità significa associare anche l’aspetto del design compatto e poco ingombrante. Oltre ciò, le principali componenti sono facilmente smontabili, per essere lavate con accuratezza, e rimontate in pochissimi secondi. Anche il processo di ricarica, così come il resto, è molto intuitivo e non richiede nessuna conoscenza particolare.

Per concludere, il vassoio in plastica, posto al di sotto, permette di raccogliere le gocce in eccesso e quindi di tenere sempre pulito il proprio macchinario.

> Comprala su Amazon

Lascia un commento