Recensione Bialetti Venus

Quando si parla di caffettiere, o comunque di macchinari per fare il caffè, molto spesso la caratteristica del design è spesso sottovalutata. La Bialetti Venus, invece, oltre ad essere uno strumento efficiente, sotto molti punti di vista, presenta linee armoniose e forme basate sull’essenzialità. All’interno di questo approfondimento, il lettore avrà la possibilità di conoscere in dettaglio tutte le maggiori specifiche di questa caffettiera di ultima generazione.

A rendere la Bialetti Venus uno dei prodotti maggiormente apprezzati all’interno del mercato sono sicuramente i materiali di costruzione. In modo specifico, il raccoglitore è costruito in alluminio (materiale conosciuto per la grande capacità di mantenere a lungo temperature ottimali) e la caldaia è in acciaio. Sulla stessa, nella parte vicina alla zona di aggancio, è inoltre posizionata una valvola di sicurezza, appositamente brevettata dalla società, per garantire protezione durante l’erogazione.

Il manico è ergonomico e costruito interamente con materiali antiscottatura, isolanti ed allo stesso tempo piacevoli al tatto. Oltre ciò, la presenza del pomello, posto sul coperchio, dà la possibilità di tenere la caffettiera e di aprirla anche solamente con una mano. In questo modo è possibile controllare velocemente la quantità di caffè e versarlo nel modo migliore. Può essere utilizzata sia sui tradizionali piani di cottura  (come ad esempio quelli a gas) che su quelli ad induzione.

Un ulteriore elemento distintivo, rispetto a tanti altri prodotti di bassa qualità, è la capienza. Il volume dichiarato dal produttore è di 0,8 litri, valore associabile a circa 4 tazze di caffè. Parlando delle dimensioni, la caffettiera Bialetti Venus misura 12 x 9 x 15,5 cm, il che la rende poco ingombrante e allo stesso tempo maneggevole. Anche il peso, di circa 590 grammi, fa si che il consumatore possa trasportare la caffettiera in qualsiasi posto, in base alle proprie necessità ed esigenze.

> Comprala su Amazon

Lascia un commento